Nell’ambito del progetto ”Distretti irrigui per il riuso sostenibile delle acque reflue: modelli organizzativi e tecnologie innovative- RIUSIAMO”, finanziato con fondi PSR Puglia 2014-2020, il prossimo 9 giugno si terrà un meeting tecnico-divulgativo con gli stakeholders territoriali.

L’evento avrà inizio alle ore 10.00 presso l’impianto di affinamento reflui di Trinitapoli (BT) con un interessante visita guidata all’impianto a cura dell’ing. Piervito Lagioia e dell’ing. Salvatore Calendano di AQP, continuerà presso la vasca di stoccaggio reflui n.17, in loc. Castello a Trinitapoli, con l’intervento del dott. Luigi Nardella, direttore dell’Area Agraria del Consorzio per la Bonifica della Capitanata – Ente Capofila del progetto.

Alle ore  12.00 il gruppo si trasferirà  all’ufficio irriguo 5-9-10 della Sx Ofanto in loc. San Samuele in agro di San Ferdinando di Puglia per la visita all’impianto irriguo guidata dal dott. Luigi Nardella   e la divulgazione delle finalità del progetto a cura del prof. Giuseppe Gatta di UNIFG e dott. Viro Buono di Sysman srl/Agris soc.coop.

Il progetto RIUSIAMO, riferisce il Presidente Giuseppe De Filippo, nasce dall’esigenza  di rendere disponibile ed utilizzare questa “nuova e preziosa  risorsa” rappresentata dalle acque reflue, attraverso la costituzione di “distretti irrigui ad hoc”, mediante un’azione congiunta realizzata con  vari attori della filiera quali AQP per produzione e trattamento, Consorzio per la bonifica della Capitanata per la distribuzione, UniBA –UNIFG e CREA per il supporto scientifico, Sysman Srl  per la tecnologia e  altre varie imprese del territorio quali  Azienda Russi e Antichi Sapori.

Il progetto, evidenzia  il Direttore Generale Francesco Santoro, prevede sia il monitoraggio delle acque sia   la pianificazione della distribuzione che darà  agli agricoltori elementi  utili a gestire le loro  strategie irrigue. È quindi un lavoro coordinato  che coinvolge i gestori del servizio e gli agricoltori, ma anche Enti di Ricerca e aziende tecnologiche.