Si è riunito oggi per l’insediamento il Consiglio di Amministrazione del Consorzio per la bonifica della Capitanata,  per eleggere i propri vertici che guideranno l’Ente per i prossimi cinque anni.

Alla Presidenza, con voto unanime, è stato eletto  Giuseppe De Filippo, in rappresentanza di Futuragri S.C.A.  che ha già ricoperto la stessa carica nello scorso mandato amministrativo, mentre alla carica di Vicepresidente all’unanimità è stato eletto Angelo Miano in rappresentanza di  Azienda Agricola Nocelli di De Padova Rosetta Agnese & C. S.A.S  Faranno parte del Consiglio gli altri 5 componenti eletti lo scorso 10 ottobre: Alessandro Cardascia,  Raffaele Carrabba,  Francesco Casoli; Antonio Gramazio,  Luciano Mancino. Faranno parte altresì Leonardo Cavalieri, nominato dall’Assemblea dei comuni ricadenti nel comprensorio consortile riunitasi il 28 ottobre scorso  e un altro consigliere espressione della Provincia di Foggia, di cui si attende ancora la designazione.

Nel suo intervento, il Presidente Giuseppe De Filippo, nel ringraziare per la fiducia accordata, ha dato atto al CDA uscente  dell’importante lavoro svolto  nel mandato  precedente  e ha posto all’attenzione dei consiglieri alcuni temi e priorità che l’amministrazione e la struttura saranno chiamati ad affrontare.

“In un momento particolarmente delicato per il comparto agricolo e per tutta l’economia è necessario che il Consorzio rappresenti un riferimento ancora più autorevole per i consorziati e per le Amministrazioni con cui si rapporta. Se è vero che sussistono alcune   criticità  irrisolte è vero anche che le preziose opportunità date  dal PNRR possono rappresentare la soluzione,  in un passaggio  storico che deve vedere questo Ente “protagonista attivo e propositivo” e non semplice spettatore”.

 “Bisogna puntare a reperire altre fonti di risorsa idrica, insistendo sulla condotta Biferno-Fortore ma anche sulla costruzione di  altri bacini e  sulla manutenzione straordinaria di quelli esistenti. È necessario  trattenere una maggiore quantità di risorsa in inverno per poterla distribuire in estate, contrastando  i cambiamenti climatici che ormai sempre più spesso  fanno sentire i loro effetti con alternanza di periodi siccitosi ed eventi meteorologici estremi”.

Per questa spinta in avanti il Consorzio ha bisogno di arricchire il proprio know-how, investendo sul personale con un’azione di valorizzazione che dovrà realizzare  nei prossimi mesi.

“Per la manutenzione straordinaria del reticolo idraulico un ruolo ancora più incisivo  è richiesto alla Regione Puglia affinché supporti l’Ente con il finanziamento di  interventi prioritari  per il ripristino dell’officiosità idraulica e la mitigazione del rischio da alluvione”.

Il neo Vicepresidente Angelo Miano, dopo i ringraziamenti al Consiglio per la fiducia riposta nei suoi confronti, nel commentare brevemente i compiti e le funzioni affidati ai Consorzi di  Bonifica dalla legislazione nazionale e regionale,  ne evidenzia il ruolo per una moderna politica del territorio, per  la  sicurezza idraulica,  per il  reperimento  di risorse idriche a fini irrigui e per la  salvaguardia ambientale. Un ruolo preminente che deve essere confermato e divulgato soprattutto ai consorziati  per migliorare l’aspetto reputazionale e dare più valore all’azione istituzionale.

Il direttore Generale Francesco Santoro dopo i saluti  al nuovo Consiglio ha illustrato  le caratteristiche dell’Ente che – per intensità di opere di bonifica, presenza radicata sul territorio e progettualità –  si pone in posizione di assoluto rilievo non solo a livello regionale ma anche nazionale. La struttura, sottolinea, è chiamata ad operare  in un contesto ampio e diversificato con problematiche diverse fra comprensori e zone all’interno dello stesso comprensorio, problematiche che sono aggravate da questa pandemia che ancora non si risolve. Nonostante ciò, si riesce a controllare efficacemente il territorio, a garantire la gestione delle opere infrastrutturali e alla distribuzione irrigua.  Il nuovo assetto amministrativo e i punti programmatici illustrati dal Presidente aprono  nuove prospettive  per una gestione ancora più dinamica.