Lo scorso 18 ottobre il Circolo Legambiente Gaia di Foggia in collaborazione con Coop Alleanza 3.0, nell’ambito del progetto “Le nostre strade dell’acqua” ha visitato la diga di Occhito, la grande infrastruttura che consente la raccolta e distribuzione dell’acqua e soddisfa gli usi potabili irrigui e industriali della provincia di Foggia.

Un folto gruppo di circa 30 persone, molto interessate allo stato di salute dei corpi idrici ed alle buone pratiche per salvaguardare l’acqua quale bene comune,  ha potuto constatare di persona le modalità di gestione dell’invaso e le azioni a tutela dello stesso messe in atto dal Consorzio per la bonifica della Capitanata,  quale Ente gestione dell’invaso.

Grande soddisfazione da parte di  Legambiente che ha ritenuto la visita “fondamentale per la conoscenza del territorio in cui si vive e il rapporto diretto con l’acqua”.

La visita rientra tra le iniziative del circolo foggiano con l’obiettivo di “adottare un corso d’acqua del territorio di Foggia, portandolo a una maggiore conoscenza pubblica, pulire e rendere accessibili gli argini, analizzare l’acqua e sensibilizzare i partecipanti alla tutela di questa grande risorsa”.

I fenomeni di alluvione e siccità, conseguenza diretta dei cambiamenti climatici in atto, osserva il Presidente Giuseppe De Filippo, hanno messo in ginocchio interi territori rendendo evidente la validità del modello “Capitanata”  pioniere nell’adottare metodologie di risparmio idrico della risorsa.

 Il Direttore Generale, dott. Francesco Santoro, ricordando l’importanza dell’invaso per l’intera Capitanata auspica un diverso e più aperto atteggiamento nei confronti di queste importanti infrastrutture.

PHOTO-2019-10-18-19-01-52 PHOTO-2019-10-18-19-01-53 PHOTO-2019-10-18-19-11-00