Il Consorzio introduce lo “smart working”, riferisce il Presidente Giuseppe De Filippo, una misura decisa sulla base di quanto contenuto nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1° marzo 2020 che, all’articolo 4, comma 1, lettera a), introduce misure di incentivazione del lavoro agile quale strumento per continuare a svolgere la propria attività nell’ambito dell’emergenza coronavirus.

È una misura necessaria che sarà man mano incrementata e sarà mantenuta fino alla fine dell’emergenza, comunica il Direttore Generale Francesco Santoro, per il momento sono state individuate diverse figure professionali destinatarie della disposizione che potranno agevolmente lavorare da casa, potranno conciliare così le esigenze famigliari, limitare gli spostamenti e, nel contempo, garantire la continuità dei servizi.