Con lo slogan “Acqua è…”, torna l’appuntamento annuale con la Settimana Nazionale della bonifica e dell’Irrigazione, la  manifestazione nazionale organizzata dall’Associazione Nazionale dei Consorzi di Gestione e Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue dal 11 al 19 maggio.

Una settimana ricca di manifestazioni  nella quale il Consorzio per la bonifica della Capitanata apre le porte “ai non addetti ai lavori” per consentire la conoscenza del grande patrimonio infrastrutturale, artefice dello sviluppo economico della Capitanata.

La manifestazione, commenta il Presidente Giuseppe De Filippo, rappresenta un’occasione preziosa per comunicare il lavoro che il Consorzio svolge quotidianamente: la manutenzione della grande rete idraulica delimitata a nord dal fiume Fortore ed a sud dal fiume Ofanto,  per garantire il  territorio  e la gestione di  una serie di grandi opere idrauliche  necessarie per assicurare  la disponibilità di risorsa idrica, ma anche e soprattutto,  per la difesa idrogeologica  del Tavoliere, aggredito da eventi alluvionali sempre più intensi.

Il programma della settimana riserva diverse  occasioni per far conoscere “le cattedrali dell’acqua”  che rappresentano scenari di bellezza inusitata, cui la bonifica conserva e accresce il valore di anno in anno  ed è ricca di momenti di svago e sportivi: un  pomeriggio sportivo dedicato ai bambini delle associazioni sportive dilettantistiche e altri appuntamenti dedicati agli adulti  alla diga di Capaccio in agro di Lucera ed inoltre passeggiate  con visite guidate ed altre iniziative alla  diga di Occhito in agro di Carlantino.

Come tradizione si  pone particolare attenzione ai  più giovani –  riferisce il Direttore Generale  Francesco Santoro –  e  quella che il Consorzio realizza ogni anno è una spettacolare lezione all’aperto, contemporaneamente su quattro distinti itinerari, per tutte le scuole che si sono candidate, circa 1500 partecipanti tra studenti ed insegnanti, tutto in  una settimana. Le scuole provengono da tutta la provincia, da Foggia: Istituto Comprensivo Statale Da Feltre – Zingarelli, Istituto Comprensivo “E. De Amicis – Pio XII” primaria, Istituto Comprensivo Dante Alighieri Cartiera, Istituto professionale “A. Pacinotti”, Scuola Secondaria Statale Leonardo Murialdo, I.T.E. Blaise Pascal, Istituto Comprensivo “E. De Amicis – Pio XII” secondaria, Istituto di Istruzione Superiore Enaudi-Griego, Istituto Comprensivo Alfieri Garibaldi.  Da San Severo: Circolo Didattico Statale “De Amicis”, Direzione Didattica Statale  San Benedetto, I.I.T.S. Rispoli Tondi -liceo scientifico. Da Lucera: Istituto di Istruzione Superiore “Bonghi-Rosmini”, Convitto Nazionale R. Bonghi e Istituto Comprensivo Manzoni – Radice. Da Manfredonia: l’ Istituto Comprensivo Giordani – De Santis  primaria e secondaria, ed inoltre da Borgo Mezzanone l’ Istituto comprensivo borgo Mezzanone/Zapponeta, da  S.Agata di Puglia l’ Istituto Comprensivo Statale “Martin Luther King”, da Apricena l’ Istituto Comprensivo Statale “Torelli Fioritti” , da Candela l’Istituto comprensivo “Papa Giovanni Paolo II”, da Cerignola l’Istituto Istruzione Superiore Giuseppe Pavoncelli, da San Ferdinando di Puglia Istituto di Istruzione Secondaria Superiore “Michele Dell’Aquila”, da S.Giovanni Rotondo l’Istituto comprensivo Statale Pascoli Forgione, da da Sannicandro Garganico la Scuola secondaria di I grado ” D’Alessandro Vocino”, da Stornara l’Istituto Comprensivo “Papa Giovanni Paolo I”, da Stornarella l’Istituto Comprensivo Statale “Aldo Moro”  e da Volturino l’ Istituto Comprensivo Monti Dauni.

La formula è la medesima degli  anni precedenti: visita guidata agli impianti e laboratori itineranti  insieme ai tecnici del Consorzio per la bonifica della Capitanata che accompagneranno le scolaresche spiegando l’importanza dell’acqua  e delle attività di bonifica per la loro vita, per l’economia e per la salvaguardia del territorio. Tra gli itinerari proposti quelli maggiormente apprezzati sono senz’altro l’itinerario 1 – “Dalla sorgente alla fonte”: diga di Occhito , 2 – “La forza dell’acqua”: torre piezometrica P3, centro irriguo distretto 12, diga Capaccio, vasca del Celone, l’itinerario 3 – “Le stagioni della bonifica”: diga Capacciotti, impianto di sollevamento Montagna Spaccata, centro irriguo San Samuele e Idrovora Salpi ed infine quello più distante l’itinerario 4 – “Dai monti dell’Irpinia per dissetare la pianura”: diga sul torrente Osento, traversa Santa Venere, canale Ofanto-Capacciotti, partitore e impianto di sollevamento di Canestrello.

Anche la facciata dello storico palazzo della bonifica sarà per l’occasione ornata da un’installazione artistica ideata da Pietro Ricucci.